Maria Teresa Vittone - Scultrice | Process
15297
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15297,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-11.0,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Process

Ispirazione

Ogni Opera si manifesta tra le infinite nubi del mio inconscio e in me lascio scorrere l’energia che mi permette di ricevere questo dono. Vorrei sapere tutto ciò che è nel cielo e nel sole, ma la luna…
la lascerei velata nel suo mistero argenteo, femmineo ed eterno.

Attrazione

Dall’apparente mistero della notte più nera vedo chiaramente le stelle e come in una danza ipnotica, mi lascio attrarre, sedurre e conquistare.
L’estasi è nella MATER, “Matrice delle forme universe che tutto in sé contiene:
moto, forma, forza, intelligenza, bene, amore e morte”. (Cit. IBIS)

Contatto

Inconscio e materia grezza si incontrano, modellandosi reciprocamente in un dialogo mutevole e orgoglioso. La forma nel movimento ed il movimento nella forma.
Immagini che si manifestano sulla materia, lascio che le mani le portino alla luce, alla realtà.

Nascita

Al compimento del viaggio, l’Opera finita nasce e risplende.
Il contatto tra l’inconscio e la materia è avvenuto.
Solo al termine della realizzazione vedo con chiarezza
come il mio più profondo pensiero si è manifestato.
Come in un rituale, celebro la maturità dell’Opera a iniziare un nuovo cammino,
verso chi saprà apprezzarla.